4 Caratteristiche per un eCommerce di successo

Se hai un’ecommerce sai che è come avere un orto, ogni giorno devi curarlo, mantenerlo e capire cosa fare per migliorarlo e fare crescere frutti più buoni e in maggior quantità.
In questo video vediamo i 4 elementi chiave per aumentare le performance del tuo ecommerce.

Ho costruito questo video sulla base della mia esperienza come creatrice di ecommerce ma sopratutto come consumatrice. Credo che il miglior modo per capire cosa funziona o non funziona in un progetto sia mettersi nei panni del potenziale cliente.

Ho voluto riassumere i punti più importanti in 4 aree: usabilità, togliere le paure, trigger, servizi.

1) Usabilità

Farò spesso il paragone con il negozio fisico proprio perché ormai l’offline e l’online si sono completamente integrati e il potenziale cliente si aspetta gli stessi servizi e qualità.

Curiamo la grafica e la struttura del sito come se fosse l’architettura e la disposizione dei prodotti in negozio.

Da figlia di commercianti so quanto è importante cambiare spesso la vetrina e la posizione dei prodotti.
Anche sul tuo sito dovrai presidiare giornalmente il catalogo e capire come migliorare la sua disposizione.

In negozio potresti parlare con le persone e vedere le loro reazioni, online è più difficile ricevere feedback ma potrai affidarti all’analisi dei dati per capire che direzione prendere.

Quando parliamo di usabilità si intende la facilità di navigazione del sito e di trovare gli elementi che l’utente cerca nel minor tempo possibile.

Spesso questo significa mantenere la struttura degli ecommerce standard così da non dover insegnare all’utente come usare il sito ma, avendone già navigati alti, sa già come usarli.

Ovviamente il punto di riferimento è Amazon, per 2 morivi:
1 perché è il sito numero 1 al mondo per la vendita online e quindi investono milioni di euro per migliorare l’usabilità.
2 perché la maggior parte degli acquirenti online usa anche Amazon e lo prende come riferimento d’uso.

Nella pratica vediamo:

Navigazione semplice per spostarsi tra le categorie e i prodotti

– Per cataloghi con grandi numeri è importante avere anche un motore di ricerca interno intelligente e dei filtri impostati sulla base delle diverse categorie

Mobile friendly, cioè non solo essere visibile sugli smartphone ma possibilmente avere un’esperienza diversa e personalizzata per i dispositivi piccoli

– Le pagine del processo di acquisto sono fondamentali, devono essere semplici e focalizzate, senza elementi di disturbo e ispirare fiducia e sicurezza.

2) Togliere le Paure

Nei primi anni 2000 la frizione più grande verso l’acquisto online era la paura di essere truffati.
Questo retaggio è rimasto anche oggi per questo è importante rispondere colpo su colpo alle obiezioni degli utenti.

Ecco come:

– Recensioni
Dovrebbero essere con le stelline o i voti, una descrizione testuale e una foto.
Le stelline di danno un’impressione veloce, la descrizione risponde alle domande degli utenti e li fa immedesimare, le foto sono un paradosso, facciamo degli shooting bellissimi con modelle e location d’eccezione ma poi rende meglio una foto storta caricata dagli utenti. È strano ma servono entrambe.

– Condizioni di vendita
Un’altro freno all’acquisto online sono le spese di spedizione perché offline sei abituato a non avere questo costo aggiuntivo.
Se non hai la possibilità di fare la spedizione gratuita si chiaro nella tua comunicazione.
Nella scheda prodotto deve essere indicato: costo di spedizione, tempi di spedizione, modalità e costo per il reso.

– Assistenza
Torniamo al paragone con il negozio fisico e pensa ad uno store senza addetti alle vendite.
Sopratutto in alcuni settori sarebbe impensabile, un servizio molto utile è quindi quello dell’assistenza in live chat, per telefono o whatsapp.

– FAQ
Per limitare l’impegno dell’assistenza riassumi le domande più frequenti e posizionale nella scheda prodotto. Tienile continuamente aggiornate in relazione ai nuovi quesiti dei clienti.

– Azienda
Avere una pagina Chi Siamo molto esplicativa e una presenza social curata fa percepire all’utente che ci sono delle persone vere dietro allo schermo e se avranno bisogno di aiuto qualcuno li ascolterà.

3) Trigger

Nei primi due punti abbiamo messo al centro l’utente ora capiamo come portare vantaggi concreti al business

– Metti Call to Action chiare per dire all’utente cosa deve fare

– Utilizza offerte speciali sopratutto sul primo acquisto, per esempio un codice sconto all’iscrizione alla newsletter.

– Fai compilare la wishlist così da poter ricordare all’utente via mail di procedere all’acquisto

Prodotti Correlati
Spesso trovare il prodotto che cerchi non è facile, puoi utilizzare i prodotti correlati per suggerire un prodotto simile che magari risponde meglio alle esigenze richieste, oppure puoi aggiungere gli accessori utili da utilizzare con il prodotto visitato.

4) Servizi

I servizi che puoi riservare all’utente sono infiniti, sopratutto se prendiamo anche il campo offline e dell’assistenza clienti.

Qui quelli che puoi attuare sul sito:

– Metodi di pagamento
Aggiungi i metodi di pagamento più usati quindi: carta di credito, paypal, bonifico, molti preferiscono il pagamento alla consegna e in questi mesi sta prendendo piede il pagamento a rate, ovviamente per prodotti con un costo abbastanza elevato.
Esistono delle aziende che fanno proprio questo servizio, tipo Soisy, Oney, ecc.

Attenzione che ogni gateway di pagamento vuole la sua percentuale sull’acquisto.

– Pagina prodotto
Questa pagina diventa sempre più centrale perché l’utente fa una navigazione multicanale passando da Google ADS a Facebook per poi andare sul sito, tornare su Instagram e solo dopo vari giri finisce sulla pagina prodotto pronto a leggere per bene le info.

Qui dobbiamo rispondere a tutte le sue domande e in vari formati, ci saranno utenti che preferiscono leggere, chi preferisce guardare le foto e chi un video.

Le informazioni devono essere esaustive ma ben organizzate per non creare confusione e effetto caos.

– Prodotto non disponibile
Un’altro servizio interessante è la possibilità di far inserire la mail sulle pagine prodotto qual ora questo si esaurito, così da poter avvisare l’utente quando tornerà disponibile.

– Suggerimenti d’uso
Molti ecommerce hanno aperto un blog semplicemente per migliorare l’indicizzazione sui motori di ricerca. Ma se mettiamo l’utente al centro riusciremo a creare contenuti davvero utili.
Per esempio articoli che suggeriscono l’utilizzo, video tutorial, ebook verticali su un’argomento, ecc.

Abbiamo visto i 4 temi chiave per un ecommerce di successo ma ora voglio parlare di un Bonus

Il brand, quelli descritti in precedenza sono consigli pratici per aumentare la conversione sull’ecommerce. Ma se vuoi creare un progetto sostenibile che crei fidelizzazione e acquisti ricorrenti devi riuscire a creare un brand.

Grazie a questo oltrepasserai la parte razionale delle persone e parlerai direttamente alla pancia potendo contare anche sull’aspetto emozionale e sulla vendita d’impulso.

Grazie Fes di essere arrivato fino a qui, ci vediamo nel prossimo articolo!

Sei un imprenditore e vuoi sfruttare i vantaggi del web per far crescere la tua azienda?

Ricevi il Corso Gratuito
RIVOLUZIONE DIGITALE

[ 5 video per cambiare il modo di trovare i clienti ]

Sei un imprenditore e vuoi sfruttare i vantaggi del web per far crescere la tua azienda?

Ricevi il Corso Gratuito
RIVOLUZIONE DIGITALE

[ 5 video per cambiare il modo di trovare i clienti ]

Apri WhatsApp
Hai bisogno di aiuto?
Ciao, chatta con noi!